Perche combattiamo e perche vinceremo

MISSING IMAGE

Material Information

Title:
Perche combattiamo e perche vinceremo
Physical Description:
Book
Language:
Italian
Creator:
Laeng, G. and Rizzini, E.
Publisher:
Italgeo
Place of Publication:
Milan, Italy
Publication Date:

Notes

General Note:
Atlantino in XXVIII tavole a colori

Record Information

Source Institution:
University of Florida
Holding Location:
UF Special Collections
Rights Management:
All rights reserved by the source institution.
System ID:
AA00011607:00001

Full Text






















































































.






























/.. .....
...



















*,-


I
I,




G. LAENG / E. RIZZINI


PERCHE COMBATTIAMO

E PERCHED VINCEREMO


ATLANTINO IN XXVIII TAVOLE A COLORI




I T A L G E O


M I LA N
VIA PETRELLA, 6
194-z2XX


0





PERCHE' COMBATTIAMO E PERCHE' VINCEREMO


I mio compianto genitore, Prof. Giovanni De Agostini, pubblico nel marzo del 1941,
I'Atlantino "L'ASSE E IL MONDO" avente lo scopo di seguire gli avvenimenti del
giorno ed il realizzarsi dell'ordine nuovo. Da allora si sono svolti event cosi grandiosi
da imprimere una nuova fisonomia al conflitto, divenuto veramente mondiale.
Porto percio oggi a conoscenza del lettore questo nuovo Atlantino cbe, pur avendo uno
scopo egualmente pratico, muove tuttavia da un different concetto.
Mentre il primo infatti nelle sue nitide XVI tavole a color costituisce un prezioso quanto
economic mezzo di consultazione strettamente geografico, questo nuovo opuscolo fornisce
invece, in sintesi efficace ed immediate, la vision dei motivi essenziali cbe ban dato ori/
gine all'attuale conflitto; e, illustrando per mezzo di figurazioni assai semplici, cioe di
colore e di massa, gli sviluppi fin qui maturati del conflitto stesso, vuole far germinare
e ben penetrare nello spirit del popolo e dei combattenti, la radicata e giustificata con/
vinzione non solo della fatale ineluttabilita di questa guerra impostaci dai nemici del nostro
progress, ma ancora la luminosa certezza della nostra future vittoria.
Questo Atlantino che consegno oggi all'amico lettore, ideato e compilato da due attivi
glornalisti il dott. GUALTIERO LAENG (noto autore di numerosi e pregiati lavori
d'indole geografica, al quale e dovuta l'impostazione cartografica e logica dell'opuscolo)
e il dott. ENRICO RIZZINI, della grande famiglia del "Corriere della Sera", / in





omaggio appunto ailo scopo cbe si propone, pii cbe preoccuparsi di fornire al lettore
un complesso di carte geograficbe nel senso proprio della parole, e cioe minute, dense
di nomi e di riferimenti topografici, vuol fissare l'attenzione dell'osservatore su alcuni ri/
stretti element. davvero basilari e sostanziali ed intelligentemente selezionati, cbe sono e
debbono costituire il fondamento della ragionata e legittima attesa nostra.
L'Atlantino percio, a differenza di pubblicazioni similar, procede nella propria dimostra,
zione per via di efficaci antitesi, espresse in una series di tavole da cui si palesano in/
nanzitutto le premesse e le conseguenze dirette della political di sopraffazione esercitata
dalle potenze monopolisticbe control le nazioni dell'Asse, e le legittime reazioni di queste
ultime; non solo, ma esso viene sviluppando ulteriormente, con prontezza e cbiarezza di
comparazione e con sapiente accostamento di raffronti, raccbiusi in poche cifre, le radical
modificazioni veiificatesi durante il conflitto nei dati della situazione di fatto e in quelli
della situazione di privilegio, strategic ed economic, del gruppo avverso. La pubblica/
zione risulta in tal modo tanto piu efficace e persuasive per I'immediatezza dei concetti
e per I'azione sua veramente intuitivea" cbe mira direttamente alla sintesi finale ed alla
conclusion pratica di tutta un'avviluppata series di fatti e di premesse.
Ho fiducia, pertanto, di aver cosi felicemente assolto, nell'ambito di questo opuscolo, in/
dirizzato precipuamente al popolo, il compito di collaborare, nel limited delle nostre pos/
sibilita, alla Vittoria verso cui tendono tutti gli sforzi della Nazione unita.
FEDERICO DE AGOSTINI


Milano, z; Luglio 19z42xx






INDICE DELLE TAVOLE


1 I qrandi Imperi d'Inqhilterra, Francia, Belqio e
Olanda
2 La spartizione di colonies e mandati dopo Versaglia
3 I sanzionismo versaqlista control l'Italia
4 La riscossa dell'Italia control Versaglia
5 La riscossa della Germania control Versaglia
6 Situazione territoriale political europea nell' a-
gosto 1938
7 Situazione territoriale political europea nel luglio 942
8 Linee di navigazione europee degli Alleati nel
qiugno 1940
9 Linee di navigazione europee controllate dall'Asse
nel luglio 1942
10 I Balcani del 1914 e i Balcani del 1919, dopo
Versaglia
11 I Balcani del 1940 e la nuova sistemazione del 1942
12 Situazione terrioriale-marittima nell' Alantico e
maria d'Oriente nel qiuqno 1940
13 Situazione territoriale-marittima nell'Atlantico e
maria d'Oriente nel luglio 1942
14 Line di navigazione degli Alleati nel Pacifico
nel novembre 1941


15 Situazione deli Alleati e del Glappone nel Pa-
cifico nel luglio 1942

16 Sperequazione di materle prime: carbon fossil

17 ,, peirolio

18 rame

S19 ) ferro

20 gomma natural

21* a cotone e lino

22 lana


23


* grano e mais


24 Sperequazioni territorial: confront ira Australia
ed Europa

25 Sperequazioni territorial: confronto ira 1' India e
alcuni Stati europei

26 Giacimenti auriferi nel mondo

27 Perdite naval inflitte al nemico in due anni di guerra

J8 Perdite aeree inflitte al nemico in due anni di
guerra L'Albo della Gloria


DIRITTI RISERVATI





F















imp. Francese
op Belga


SOlandese


Mondo abitato: Di questo, in colonie, possedimenti e mandati spettavano:
0 alI'INGHILTERRA 3 6. O 3 2. 0 0 Kmq. 4 7 8. 4 5 8. 0 0 0 abit.
135.338.000 Kmq. alia FRANCIA 11 8 8 0. 0 ,, 7 0. 3 7 3. 000 ,,
all'OLANDA 2. 0 61. 0 0 ,, 60. 710. O 00 0 ,,
Popolazione: al BELGIO 2.391.000 ., 0 14.075.000 ,,

2.195.868.000 Abit. Totste 52.364.000 Kmq. 623.616.000 Abit.
enerEDTRCE TALGEMILANO
EDITRICE ITALGEO-MILANO


- --




LA SPARTIZIONE DI COLONIE E MANDATI DOP6 VERSAGLIA


D


A 0 0


0


ar


I N


I A N


CRA ^T1iM K^^ kmq. 33.550000
GRAN OBREtTA GNA^k^ abit455.000000
FRANCIA K ^ Wi S kmq.11.650000 abir. 63.000000
ITALIA 11 kmq.2.695302 abir. 3780000 esc/usi Albania
BELGIO kmq 2.440000 abilzO0000OO ed Etiopia
PORTOGALLO L I 2.090000 0 10500000
PAESI BASS]I n I 2.030000 6 63000000 Te riaro lo afe r t/
GERMANIA 2.551901 S 10.614537 fRNCA NG/TRA


EDITRICE iTALGEO-MILANO


Tav. 2


0


O


I-I -~ II )I II~~, I -- __ I I I



























C


53 STATI ERANO SCHIERATI CON-
TRO L' ITALIA, da Ginevra, quando essa
impugn6 le armi per definire una buona
volta la vertenza etiopice che si trasci-
nava da 40 anni. II DUCE rispose aliora:
"NOI TIREREMO DIRITTO"
Nel frangente evemmo amici la Germa-
nia, I'Austria, i'Ungheria, il Giappone, ii
Manciuku6, I'Arabia saudita e to Yemen.


I oA
/ "1 "




..

,,,! >'1


18 NOVEMBRE 1935 XIV
A RICORDO DELLASSED1
PERCHED' RESTI DOCMENTATONEISECOLI
NO INGIVSTIZIA
CONSVMATA CONTROL CITALIA
ALLA QVALE
TANTO DEVE LA CIVILTA'
DI TVTTI I CONTINENT


L'ESPERIMENTO SANZIONISTA
si risolse nella more del sinedrio gine-
vrino e in una grave perdita di prestigio
per gli iniziatori, senza riuscire ad im-
pedire la conquista dell'Africa Orientale.
L' ITALIA VINSE ALLORA CONTEMPO-
RANEAMENTE LA BATTAGLIA MILtTARE
E LA SUA BATTAGLIA AUTARCHICA.





LA RISCOSSA DELL'ITALIA CONTROL VERSAGLIA
fI


er~s~--~~ ---p-_~___ ~ I-




LA RISCOSSA DELLA GERMANIA CONTROL VERSAGLIA


\ M e
N Aeme/


L' 4


overna tori


S 4.ao


z2~

/s


Co


0 dapest V







.... Confirm d s/ato ne/ 1918 Confin, dl s/iao ne 1/942
Terr/ior/ annessi ne' a Territon occupali per azioni di
LZI Aricostruzione ye'anica l \ nluerra


'~~ ~ ~~~ --II I- .11 e


M a r e

de\ No r


o Bern
V1 7, P


,, I, IIL I---I --


Tav. 5


GERMANIA DI VERSAGLIA: Kmq. 468.753 popol. 62.410.619


GRANDE GERMANIA: Kmq. 840. 0








km
ISLANDA





0












4Lonor




S0
-y ,903 'k




TERRITORIAL POLITICAL EUROPEA NEL


1942 Tav. 7


Ci


<

-J




E DI NAVIGAZIONE EUROPEE DEGLI ALLEATI NEL GIUGNO 1940 Tar. 8


9 'ANDA Ile 4-- ?, r

JLZZ<


/ bi ,v\rj





LINEE DI NAVIGAZIONE EUROPEE CONTROL T. DALL'ASSE NEL LUGLIO 1942 Tav. 9

Sua m 300 00km

SL A IA P 7aes l le As~e







\ et





I
r




E E
d1






R 0 M A N I ...................




--






EDL E RM
I I I '






.. RA' 0.
EDITRICE ITALGEO-MILANO





I BALCANI DEL 1914 E I BALCANI DEL 1919 DOPO VERSAGLIA



I VOL






















---.. Confine -e/ -/4
3co
















f



6 ~-d







Co~nfini dopo Versag/a J o
-_ --------- ^I
*B^I ^H i^- --- ii ^Mi ---- |^ ^11 ^ -- ^-^ HM ---| "0~.




I BALCANI DEL 1940 E LA NUOVA SISTEMAZIONE DEL 1942
II III I .. ---


~ iiiii i i -














































ro:
AMs e











Al .













F. o
Li'
Loi
n




LINEE DI


Id.Pasqua


(NOVEMBRE 1941) Tav. 14



























Midway












J ...
, E-- -- ,








.


ALLA PRODUZIONE MONDIALE di carbon
calcolate, nel suo miglior period (1929), in
circle 1650 milioni di Tonnellate, i Paesi dgl
blocco plutodemocratico partecipavano con 1086
milioni di Tonn. ossia con une produzione pari al

67 0 del toteae. La Germania dave ii.
22 o0 ii Gieppone il 4o/o circa.

DITRICE ITALGEO-MILANO


MA IL BLOCCO PLUTODEMOCRATICO
oltre ad incontrare gravi difficolth nel trasporto
del prezioso minerale necessario atte industrie
di guerra, s'6 visto togliere dall'ASSE la pro-
duzione della Francia, Belgio, Olanda, Cecoslo-
vecchie, Polonia e del Donez (11 0/o del totele
generale.
IL TRIPARTITO PUb COSi DISPORRE OGGI del
37 0o della produz. mondiale di carbon.


0























A


0


DELLA PRODUZIONE MONDIALE, SPETTANO:
agli Stati Uniti d'America. il 5 5 o
elI'U. R. S. S.. ... 1 0,7,,
all' Impero Britannico .... 2,2 ,,
alle Indie Olandesi 2 ,7,,

In total, quest 4 peesi monopo- 7 0/
iistici si aggiudicavano perci6 il IVU 0


IL BLOCCO NEMICO t PERO IN CRISIS
1) perched non dispone piO liberamente della ricca
produzione del petrolio russo;
2) perched ha perduto la produzione olandese,
birmana e del Borneo, passata ai nipponici;
3) perched i trasporti Stato-unitensi, venezolani e
messicani di petrolio sono giornalmente falci-
diati in modo radical dagli affondamenti.
AL CONTRARIO IL TRIPARTITO DISPONE OGGI
LARGAMENTE PER I PROPRI ESERCITI DI PETRO-
LIO TRASPORTABILE TUTTO PER VIE SICURE.

EDITRICE ITALGEO-MILAN


\ -

















.r -,^ -. X !--p 9
.4 --,

n. .c fa









liP .
1 *jj __ _RALIA
0j .CL ~


ALLA PRODUZIONE MONDIALE DEL RAME
calcolata in circa due milioni di tonnellate,
I PAESI DEL BLOCCO PLUTODEMOCRATICO
(Stati Uniti d'America, Canada, Messico, Rhode-
sia, Congo Belga, Jugoslavia) partecipavano nella
notevolissima proporzione del 75 O/o circa.
Le nazioni del Tripartito, o ad esso aderenti, pro-
ducevano ultimamente solo il 10/0 del total.


MA OGGI LE NAZIONI DEL TRIPARTITO
oltre ad essersi impadronite dei giacimenti della
Jugoslavia ed avere potentemente intensificato la
produzione delle proprie miniere,
CON LA POLITICAL AUTARCHICA
hanno saputo trovare, e felicemente applicare, nu-
merosi buoni succedanei del rame stesso, prov-
vedendo cost alle necessity belliche e nazionali.


A


0













S)




*r>





J/ 1.


C


0


DELLA PRODUZIONE MONDIALE DI FERRO
aggirantesi sui 120 milioni di tonnellate,
IL BLOCCO DEI PAESI MONOPOLISTIC
(Francia, Stati Uniti, U.R.S.S., Impero Britannico)
ammassave all'incirca I' 82 /0
mentre le potenze del Tripartito a mala pena
riuscivano a produrre insieme meno del 5 0/


LA SITUAZIONE SI E' PERO' CAPOVOLTA
perch mentre I' Inghilterra non riceve piu il ferro
se non con enorme difficolta, e gli Stati Uniti de-
vono pensare assai seriamente ai casi loro
LE POTENZE DEL TRIPARTITO
dispongono oggi del ferro di Francia, Lussemburgo
e Donez (complessiv. il 31 ) e ritirano quello
svedese, spagnuolo e manciuriano, raggiungendo
con ci6 i 48 O/0 circa del total.


-----

















,

-



'- .J


._., ._-- -. ..1.




7 -



- -- -


0.


wp


LA GOMMA NATURALE ricavata dalle grand
piantagioni di Hevea ", nella proporzione di
.130.000 tonn. annue, era quasi esclusivamente
prodotta nei possedimenti equatorial del
BLOCCO DEI PAESI MONOPOLISTICI,
Colonie inglesi dell'Asia 58.8 o/o
Indie olandesi 32.5 ,,
Indocina francese 3.2 ,,

ossia, in total 94.5 0/0


LA QUASI TOTALITA' di tali piantagioni 6 ore
passata in mani nipponiche e perci6 sottratta al
Blocco monopolistico che, con gravi difficolth di
trasporto, deve ricorrere alle piantagioni brasiliane.
LA GERMANIA E L'ITALIA hanno provveduto
dal loro canto con preveggente political autar-
chica ad una bastevole produzione di eccellente
e pi0 durevole GOMMA SINTETICA.


-
--- I II





















0
/
_ A _


0


OLTRE 3/4 DELLA PRODUZIONE COTONIERA
del mondo, ammontante in total a 56 milioni
di quintali, e controllate da TRE soli paesi del
BLOCCO MONOPOLISTIC: che si aggiudicano:
Stati Uniti d'America. ... il 5 0 /o
Impero Britannico .. .. 25 ,,
Russia Sovietica 1' 8 ,

ossia dunque I'enorme proporzione dell' 83 o/0


A PARARE LA GRANDE INFERIORITY
i Paesi del Tripartito hanno provveduto sia con
preventive ammassi, sia sopratlulto con PRODOTTI
SQUISITAMENTE AUTARCHICi, valorizzando al-
tre specie di cellulosea producendo cosi nuovi
eccellenti tipi di FIBRE TESSILI ARTIFICIAL e
conquistando con ci6 I' indipendenza nel compo.


ITALGEO -MILANO


1















o.






L,,,,1


O


ANCHE NELLA PRODUZIONE LANIERA
il gruppo delle POTENZE MONOPOLISTICHE
detiene la massima parte del prodotto poich6
suila mass di circa 1 milione e mezzo di tonn.
ricavata da tutto il mondo, toccano a:
Commonwealth britannico. .. il 5 0. 0/0
URSS, Stati Uniti e Francia .,, 1 8 ,,

ossia, in total I'enorme proporzione del 068 /


MA, LA BATTAGLIA AUTARCHICA
da tempo iniziata dalle Potenze dell'Asse con la
fabbricazione della lana artificial ("Lanital" e
"Wollstra") dai residui del late, ha largamente
contribuito a risolvere la penuria della material
prima. I nuovi apporti di lana natural venuta
dall'occupazione di territory nemici hannc inte-
grato i fabbisogni degli eserciii e delia nazione.


rg~
- -- --


O C.
I(
\ N ~J \ A N O
















7


*r
-



LIA


B *


DEl PAESI COLTIVATORI DI GRANO
(il cui raccolto medio mondiale si aggira sulla
cifra di circa 1.625.332.000 di quintali), special-
mente cinque sono esportatori; e quattro di essi
(Canada, Australia, Stati Uniti e Russia Sovietica)
appartengono, come sempre, a al BLOCCO DEI
PAESI PLUTODEMOCRATICI. La esportazione
di questi ultimi quattro Paesi rappresenta da
sola ii 92 0/ dell'esportazione total.


CON LA BATTAGLIA DEL GRANO volute dal
DUCE I" Italia, gi* forte importatrice del cereal,
ha acquistato I'indipendenza dall' estero e basta
a s6 stessa. Con le occupazioni di vasti terri-
tori nemici, anche gli altri Paesi del Tripartito
hanno produzioni piu che sufficienti ai loro bi-
sogni local e delta guerra.
Anche il c GENERALE FAME> he fatto fallimentol


/


0


- -L I L- L ~- I I -




SPEREQUAZIONI TERRITORIAL: CONFRONT TRA AUSTRALIA ED EUROPA Tav. 24


S* .


")IM


C-


R A


AUSTRALIA 6500 NUUVA ZELANDA kmq 88310
Amq. 3602 742 kmq 382200 J U 0
EUROPA b 8113 GIAPPONE
D ITRICE 70000TALGE0-MILANO0
PDITRICE ITALGEO-MILANO


*1


~o~i~g~ ~ r


~4~ a, B~b


Jb
r ,'IP


d.Aq


dr




SPEREQ. TERRIT.: CONFRONT TRA L' INDIA E ALCUNI STATI EUROPEI


C I N A


rRANC/A


AANIA
G


Bombay


TAILANDtA


I
.


0 a0o k-


EDITRICE ITALGEO MILANO


----I -~rs~---- --LI -----L1---- ~L~ ~- II --- r~sl ~ --- ~- I I a


.. CE YLON


Tav. 25
















.. ..-tjc;i








..-v, <,, .: l STRALIA
V P
c 0_
rr:p
,,~ ~ Q i..,-.i-~a
DII A-O ITAtA
COr


ANCHE NELLA DISPONIBILITA' DELL' ORO
si osservano le solite enormi sperequazioni, Infatti,
sul total della produzione annual mondiale ammon -
tanted ole un milione di chilogrammi, spetta
ii 5 9 /0 all' Impero Inglese
,, 1 6 ,, allUnione delle Repubb. Sovietiche
V' 11 ,, agli Stati Uniti d'America. In total
. 860/ per un compleso di c.a 835.000 K.
I' Cos) anche le RISERVE AUREE STATAL[,
c.a 23 million di Kg. di oro flno. sono in pos-
sesso di poche NAZIONI MONOPOLISTICHE.
)ITRICE ITALGEO-MILANO


L' ORO NON BASTA TUTTAVIA A VINCERE.
Sovente anzi, con I'euforia e la falsa sicurezza
ch'esso sembra donare, viene creando un cosif-
faIto stato d'animo che non trovando corri-
spondenza nei DONI DELLO SPIRITO e nelle
QUALITA' MORALI prepare il terreno per ben
mare sorprese. Con I'oro accumulate e impro-
duttivo, ii blocco nemico non potrb acquistare le
materie prime che ii TRIPARTITO gli ha soltratto.


Tav. 26


1^




PERDITE INFLITTE AL NEMICO DALLA MARINA ITALIANA AL 31 MAGGIO 1942-XX Tar. 27
I


NEL MEDITERRANEO Affondate Danneggiate


Navi da battaglia 2 1
Navi portaerei 1
Incrociatori 10 17
Cacciatorpediniere 18 10
Sommergibili ... 55 3
Navi ausiliarie. 1 3
Pirosca 17 3
Petroliere e cisterne 6
Navi di tipo imprecisato 5
NELL'ATLANTICO
Navi da battaglia 1
Incrociatori .. 2
Cacciatorpediniere .. 4
Navi ausiliarie 5
Piroscap ....... 75 1
Petroliere e cisterne 20 1
NEL MAR ROSSO
Incrociatori. 1
Navi ausiliarie ... 1
Piroscat 9
Petroliere e cisterne 2
ALBO DI GLORIA


Caduti Dispersi
Ufficiali 136 494
Sottufficiaii 314 1.383
Sottocapi 292 1.113
Comuni 1.212 5.760
TOTALI 1.954 8.750


Feriti
244
369
374,
1.789
2.776


MEDIA DELLE MIGLIA MARINE PER-
CORSE DALLE UNITA' DELLA MARINA
Per le corazzate .. 9.880
(con un massimo di 15.073 per la ,iVittorio Veneto,,)
Per gli incrociatori ..... 20.450
(con un massimo di 28.103 per I',*Attendolo,,)
Per i cacciatorpediniere 39.200
(con un massimo di 54.658 per il .Danoli,,)
Per le torpediniere ..... 35.200
(con un massimo di 50.538 per I&a ,Medici,,)


1 mialio merino Km. 1.852


IN TOTALE Affondate Danneggiate
Nel Mediterraneo 109 43
Nell'Atantico 105 4
Nel Mar Rosso 12 1
per un tonnellaggio complessivo di
1.191.238 tonnellate.
TONNELLAGGIO MERCANTILE
affondato da unit nazionali fino al 31-5
CON MEZZI DI MARINA:
In Atlantico, 93 per tonnellete 667.943
nel Mediterraneo, 25 per tonn. 169.639
in altri mari, 11 per tonn. 59.008, con
un total di129 mezzi, per tonn. 906.590.
CON MEZZI DI AVIAZIONE
Net Mediterreneo, 63 per tonn. 402.000
in altri mari, 1 per tonn. 5000, con un
total di 64 mezzi per tonn. 407.000.
Complessivamente con 193 mezzi furono
affondate tonnellate 1.313.590


SCADUTI, DISPERSI, FERITI E PRIGIONIERI A TUTTO IL 31 MAGGIO U. S.
Prig. e iern. Totale RICOMPENSE AL VALORE CONCESSE DALL' INIZl
630 1.5 04 I
1.587 3.653 OSTILITA' Medaglie d'oro 40; medaglie d'arge;
1.621 3.400 medaglie di bronze 1438; crocl di guerra al valor
12.063 25.543


O DELLE
nto 498;
military


EDtTRICE TALGEO-MINO
EDITRICE ;TALGEO-MILANO




RISULTATI CONSEGUITI DALL'ARMA AREA ITALIANA IN DUE ANNI DI GUERRA Tav. 28
SI .I


Ecco i risultati conseguiti dall'avia-
zione italiana nei primi due anni di
guerra :
Azioni di guerra 75.050.
Bombe lanciate 344.614.
Ore di volo compiute 298.557.
Apparecchi sicuramente distrutti in
combattimento 1280.
Apparecchi sicuramente distrutti al
suolo 449.
Apparecchi sicuramente distrutti
dalla reazione contraerea 784.
Apparecchi probabilmente distrutti
in combattimento 518.
Apparecchi probabilmente distrutti
al suolo 275.


Apparecchi probabilmente distrutti
dalla reazione contraerea 16.
Navi da guerra alfondate con bom-
be o siluri 34.
Navi da guerra danneggiate con
bombe o siluri (181 colpi a segno) 151.
Navi mercantili affondate con bon-
be o siluri 65.
Navi mercantili danneggiate con
bombe o siluri (107 colpi a segno) 81.
ATTIVITA' DEI TRASPORTI AEREI:
Viaggi compiuti 37.452.
Chilometri volati 28.810.414.
Persone trasportate 345.975.
Materiale trasp. (in kg.) 23.726.419.


EDITRICE ITALGEO-MILANO



























~3t,.








'tl,


rrr

'-*r
..~
-

U






,
1.


't





'V"~
''




































i







































:






































L. 10.-


A4CIP- CI ---__---L -- ---~--